Trade Up to XenDesktop 7

Trade Up to XenDesktop 7

A partire dall’8 Aprile 2014, Windows XP non riceverà più aggiornamenti di sicurezza e i client non aggiornati saranno esposti ad un numero di minacce sempre crescente, compromettendo l’affidabilità dei vostri sistemi.

XenDesktop è un’ottima soluzione per arginare il problema e per migliorare la gestione dei desktop aziendali!

Citrix XenDesktop trasforma i desktop Windows® in un servizio on-demand disponibile per ogni utente, ovunque si trovi, in qualsiasi momento e su qualsiasi device con un’esperienza utente ad alta definizione e prestazioni invidiabili.

Per chi è già cliente XenApp, Citrix propone il programma di Trade-up che permette la conversione delle attuali licenze XenApp possedute in licenze XenDesktop, garantendo risparmi fino al 70% rispetto all’acquisto di nuove licenze e ampliando le possibilità di lavoro in mobilità.

Ecco le tre diverse proposte per la conversione delle licenze:

Trade-up: potete convertire parte delle vostre licenze XenApp per ricevere una licenza XenDesktop per ogni licenza XenApp oppure convertirle tutte e ricevere il doppio di licenze XenDesktop per un risparmio complessivo del 70%.

Trade-up PLUS: potete convertire tutte le vostre licenze XenApp nel doppio di licenze XenDesktop e acquistare ulteriori licenze XenDesktop con il 10% di sconto sulle licenze aggiuntive.

Trade-up MAX: potete convertire tutte le vostre licenze XenApp nel doppio di licenze XenDesktop e acquistare ulteriori licenze XenDesktop per andare a coprire tutti gli utenti rimanenti risparmiando il 35% sulle licenze aggiuntive.

Potrete sfruttare la vostra esperienza su XenApp per semplificare l’adozione della virtualizzazione desktop e ottimizzare l’utilizzo della vostra infrastruttura server e storage.

Continuate ad usare le funzionalità XenApp come avete sempre fatto e a ciò aggiungete VDI, XenClient e la tecnologia più completa di virtual desktop con Citrix FlexClast™!

 

Richiedi maggiori informazioni!

[contact-form-7 id=”7530″ title=”ContattInPage”]

Articolo a cura di Gabriele Postorino – Virtualization Specialist