VIA DEGLI OLMETTI, N 18
00060 FORMELLO (RM)
+39 06 9040661
INFO@GESCA.IT

“Come fare il backup”campione di ricerche su Google

"Come fare il backup"campione di ricerche su Google
by

Diamo uno sguardo alle ricerche più gettonate su Google nel 2018 in Italia. Accanto al gossip ed alle ricette di cucina, nella sezione “come fare”, ritroviamo un argomento che si era già distinto lo scorso anno: il backup. Il 2018, però, è l’anno del sorpasso: il backup si piazza in cima alla classifica: anche voi lo avete googlato?

Google ha pubblicato, come di consueto, i risultati degli argomenti più ricercati nell’anno che si è appena concluso.
Nei trend topic in Italia, nel 2017 il backup era al secondo posto nella classifica dei “come fare”, piazzato fra le olive in salamoia e la marmellata di albicocche. Del resto nel Bel Paese, si sa, il cibo non può non essere ai primi posti negli interessi di ricerca! 🙂

Quest’anno, però, è l’anno del sorpasso: “come fare il backup” è al primo posto dei “come fare”, surclassando la ricetta dei pancake.

Il backup è un’esigenza di tutti

Fortemente indicativo è il fatto che il backup, fino a qualche anno fa relegato tra gli argomenti destinati agli addetti ai lavori sia oggi diventato, evidentemente, un’esigenza di tutti.
Parliamo di esigenza perché le ricerche si riferiscono al come fare; non sono di tipo informativo, tipo cos’è il backup o cosa significa: gli utenti hanno ormai da tempo compreso il valore di mettere al sicuro i propri dati, siano essi personali o di lavoro.
Non a caso, gli argomenti correlati a questa ricerca si riferiscono a device, App e sistemi cloud per il salvataggio dei dati.

Cosa è cambiato

Probabilmente, gli attacchi informatici ed il furto dei dati che da diverso tempo stanno mietendo abbondantemente vittime ovunque hanno contribuito a far sviluppare una certa sensibilità sul tema. C’è però ancora moltissima strada da fare.
Nelle aziende, la protezione di dati e informazioni è un’esigenza sempre più sentita; tuttavia, sono ancora molte le organizzazioni che sono ancora alla ricerca di una soluzione. Molto dipende dall’approccio nei confronti della questione.
Come per il cloud, anche per il backup spesso le aziende hanno bisogno di valutare e comprendere gli strumenti più adatti a loro.

Scenario e tendenze

Gestire in autonomia, internamente, il backup di tutti i propri dati, utilizzando una delle molte tecnologie disponibili sul mercato, oppure affidarsi ad un partner cui delegare, tutto o in parte, questa attività?
Oggi come oggi, i dati hanno raggiunto volumi davvero esponenziali. In più, sono frammentati, dispersi in una miriade di App e Device.
Se poi consideriamo che con l’ingresso del nuovo regolamento europeo sulla privacy (GDPR) con la perdita di dati si profilano ulteriori danni economici, sotto forma di sanzioni, in aggiunta a quelli di immagine, il quadro appare piuttosto complesso e richiede le giuste valutazioni.

Come si stanno orientando le aziende?

La domanda da farsi dovrebbe essere non tanto “qual è la soluzione migliore?”, quanto piuttosto: “riesco a tenere tutto sotto controllo?”
Molte aziende stanno seguendo un nuovo approccio, quello del BaaSBackup as a Service.
Il motivo è semplice: ci si libera dall’incombenza di gestire infrastrutture e  processi, incluso il supporto agli utenti, mentre lo staff IT può dedicarsi ad attività a maggior valore.
Con un servizio gestito si ha la tranquillità di avere dati protetti, integri, sicuri e rapidamente disponibili in caso di necessità.

Se desideri approfondire questo argomento o conoscere il nostro servizio di backup gestito, naviga sul nostro sito e contattaci; saremo lieti di fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno per poter scegliere la soluzione più adatta a te.