VIA DEGLI OLMETTI, N 18
00060 FORMELLO (RM)
+39 06 9040661
INFO@GESCA.IT

Gesca è smart! Lo smart working secondo… #Manuela

Gesca è smart! Lo smart working secondo... #Manuela
by

Diamo seguito all’iniziativa sul Lavoro Agile, alla quale abbiamo aderito lo scorso 13 Dicembre. Oltre a partecipare attivamente, abbiamo anche avviato un progetto pilota, proponendo lo smart working a nuove risorse. A distanza di alcuni mesi abbiamo deciso di fare un piccolo bilancio: come sta andando questa esperienza? Ve lo faremo raccontare nelle prossime settimane direttamente dai nostri smart workers 😊 Ecco la prima testimonianza

Abbiamo parlato spesso di smart working e di come questo possa portare benefici e vantaggi, sia alle aziende che ai lavoratori.
Il Lavoro Agile sposta il focus della produttività, da un’ottica presenzialista ad una basata su obiettivi.
Una rivoluzione, anche culturale, impensabile fino a qualche anno fa, ma sempre più diffusa oggi, complice anche la tecnologia, che rende possibile questa modalità di lavoro in maniera semplice e con ridotti investimenti.

Dare ai dipendenti la possibilità di organizzare autonomamente le proprie attività,  lavorando da casa ( e non solo) ha dei  benefici sotto molti punti di vista: meno stress, migliore produttività, perfino risparmio economico.

Crediamo molto in questo modello e da tempo lo pratichiamo con successo; ecco perché, quando è stata lanciata alcuni mesi fa l’iniziativa sul Lavoro Agile, abbiamo aderito subito con entusiasmo.

Vi abbiamo poi raccontato le impressioni riportate dal convegno e, contestualmente, abbiamo avviato in azienda un progetto pilota, per estendere la possibilità di lavorare in smart a tutte le risorse che volessero sperimentare il Lavoro Agile.
A distanza di alcuni mesi, abbiamo fatto un primo bilancio e per raccontarvi questa esperienza ci è sembrato utile lasciare la parola direttamente a chi ha iniziato a lavorare in questa modalità.

Crediamo che approcciare questo tema dal punto di vista dei dipendenti possa essere utile per le organizzazioni che stanno valutando oggi l’introduzione dello smart working nelle loro strutture.

Chi, infatti, meglio di un lavoratore agile può spiegarne i vantaggi?

Ecco la prima delle testimonianze raccolte, quella di Manuela, Ufficio Gare e supporto rete vendita di Gesca.

Leggiamo, dunque, com’è

LO SMART SECONDO #MANUELA 🙂

“Ho chiesto di aderire al progetto smart working perché lavorare a 50 km da casa e conciliare gli impegni lavorativi con la vita privata è veramente molto, molto complicato!

In questi mesi lavorare da casa, anche solo 1 giorno a settimana, ha cambiato molto la mia vita e mi ha dato la possibilità di organizzare meglio il lavoro.
Adesso riesco a conciliare in modo ottimale i molti impegni quotidiani, posso svolgere da casa le attività che richiedono precisione e concentrazione, riesco a lavorare meglio ed in modo più rilassato, perché priva dello stress causato di prima mattina da un’ora o due di traffico cittadino.

Inoltre, ho ridotto notevolmente il numero di ferie e permessi: fare una visita medica oppure una commissione personale vicino casa richiede molto meno tempo, senza dover affrontare il tragitto casa-lavoro!

Inoltre, posso sfruttare la mia pausa pranzo per svolgere compiti che prima ero costretta a fare di sera o nel week-end e che limitavano ulteriormente il tempo dedicato a me stessa e alla mia famiglia.

Volendo, poi, considerare non solo la mia sfera personale, posso contribuire nel mio piccolo a combattere l’inquinamento atmosferico, lasciando ferma la mia auto e risparmiando sui costi del carburante.

Sono molti gli aspetti positivi del progetto smart working e, grazie alla tecnologia oggi disponibile, nulli i disagi”.

In particolare, sottolineiamo quest’ultimo passaggio di Manuela, che probabilmente chiarisce i dubbi che alcuni imprenditori hanno nell’introduzione del Lavoro Agile nelle loro aziende:

“Credo che se un lavoratore svolge con dedizione e responsabilità il proprio lavoro, lo farà in ogni luogo ed in ogni momento. Se, invece, lavora con disagio ed insoddisfazione, nessuna sede e nessun orario lo renderà più produttivo. Lo smart working è un progetto innovativo, che richiede elasticità mentale e senso di responsabilità, sia personale che a livello di team.

Sono fiera di far parte di una realtà che possiede queste caratteristiche e grata alla mia azienda per avermi dato la possibilità di migliorare la qualità della mia vita”.

 

Grazie a Manuela per la preziosa testimonianza. Seguiteci nei prossimi giorni per leggere le storie dei nostri smart workers!